A Cantine Aperte 2017 tutti i colori del Negroamaro

Rosso, rosato o bianco? Sono tanti i colori del Negroamaro, innovative le interpretazioni che ne ha fatto Duca Carlo Guarini e potrete degustare il prossimo 28 maggio a Scorrano in occasione di Cantine Aperte (www.mtvpuglia.it), l’evento di punta del Movimento Turismo del Vino giunto alla 25° edizione: sono vini sorprendenti, tutti ottenuti da uve rosse di Negroamaro in purezza, eppure incredibilmente diversi. Il rosso Pìutri equilibrato con tannini netti; il rosso Natívo, il primo vino biologico certificato, con toni fruttati intensi e un buon corpo; il rosato Campo di Mare morbido e fruttato; il bianco Taersìa, ottenuto dalla lavorazione in bianco del Negroamaro, con profumi complessi e un gusto pieno e strutturato; infine Piccolebolle, il primo spumante da Negroamaro metodo Martinotti, completamente prodotto e spumantizzato in cantina dal 2015. La corte interna della Cantina sarà teatro nel corso della giornata di vari appuntamenti: la famiglia Guarini accoglierà gli enoturisti nella costruzione settecentesca, dove ha sede la cantina e il frantoio ipogeo del ‘500, per una giornata all’insegna del buon “gusto” e della buona musica.
Alle 13 ci sarà il light lunch in cantina, all’ombra dell’antico pergolato, con le preparazioni gustose di Antonio Campeggio dell’Arte Bianca di Parabita famoso per i “pasticciottini” dolci e salati, che per l’occasione ne preparerà alcuni con i vini Guarini, come quello ripieno di carne al primitivo biologico Vigne Vecchie e quelli dolci con i passiti Ambra e Rarum. Ci saranno anche sott’oli e creme di ortaggi Le Masserie del Duca, verdure grigliate, formaggi pecorini e frutta fresca (su prenotazione, telefonando a Daniela al n. 0836 460257, entro il 24/5, a 15 euro).
Alle 17 i luoghi del vino si trasformeranno in un palcoscenico per accogliere un originale concerto del cantautore Massimo Donno (www.massimodonno.it), che presenta il nuovo album “Evviva il Re” e racconta il Sud con un linguaggio festoso, coinvolgendo la Banda de lu Mbroia, circa venti musicisti, tra fiati e percussioni.

Potresti essere interessato a

Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni